Viaggiatori business felici/ upgrade

A volte i viaggiatori business felici ricevono l’upgrade a strafelici. Accade per esempio quando la città dove andrai ospita una fiera e tutte le strutture ricettive convenzionate sono piene; allora ti spediscono nel top di gamma, casualmente ancora libero. Un po’ come quei culoni in viaggio di nozze che vengono sorteggiati per passare da economica a 1^classe in Emirates.

Gongoli, eccome se gongoli. Continua a leggere

E mutuo sí, e mutuo no, e mutuo gnam! Se famo du spaghi

In tema MUTUO sul pianeta Tiffany la schizofrenia é di CASA […scusate, non ho resistito].

Un giorno lì a scorrere freneticamente immobiliare.it chiamando e prendendo impegni che neanche Gordon Gekko in Wall Street, il giorno dopo mut(u)o [ahahha] nella paladina della fatalità: oggi sono a Roma, domani potrei essere a Hollywood [finalmente mi hanno scoperto] o a raccogliere banane in Australia [farei forse qualcosa di più utile].

Un tetto, due figli, un cane e il posto fisso. Il mito della famiglia borghese italiana vale ancora per me? Continua a leggere

#Una cosa bella al mese

L’ho letto qui e mi ha subito conquistato. Spezzare la routine con un appuntamento speciale al mese: un teatro, un viaggio, un pomeriggio diverso dal solito.

Quando si hanno un lavoro full e una famiglia è facile essere risucchiati dall’ordinario. Il “non ho tempo” diventa l’alibi per la pigrizia, per l’inerzia. I giorni si susseguono e di colpo arriva la primavera, un altro compleanno e il tempo che corre via senza che abbiamo avuto modo di salutarlo degnamente.

C’è solo un modo per spezzare l’incantesimo e si chiama pianificazione: una soluzione alla monotonia molto poco poetica, ma assai efficace. Tocca solo invocare i santi spiriti del pragmatismo e agire.

Vuoi andare al concerto? Vacci.

Da una vita brami di visitare quel luogo? Cosa aspetti, prenota!

Sono mesi che pensi a come mandare affanculo il tuo capo? Fallo. Anzi no, Spezzeresti sicuramente la routine, ma ti spezzerebbero anche le gambine dopo. Continua a leggere

Il fondo del mio barile è di cioccolata

Sono una meschina: ho collocato tutte le uova in un posto segreto al piccolo.

Ufficialmente lo faccio per la sua salute; la verità è che sono un’ingorda. Già mentre ceno mi iniziano a pulsare le tempie, il pensiero va fisso a quella cioccolata nascosta e al momento in cui la gusterò.

Sì perché – dopo la trasmigrazione familiare in sala dove c’è la tv –  la mangiatrice compulsiva di zuccheri con una scusa qualsiasi sgattaiola via per massimo due minuti netti in cui va dritta alla meta, l’afferra con avidità, la porta alla bocca con molto poca eleganza e la fagocita con la smania di chi sta scappando da un drago inferocito ma deve fare necessariamente pit stop di cibo altrimenti sviene. In tutto questo, mentre compie il fattaccio, rotea lo sguardo da destra a sinistra, anche un poco piroettando verso la porta per essere certa di non essere colta in flagranza di reato.

Poi con grande dignità si dirige in bagno a sciacquarsi il viso Continua a leggere

E per Pasqua aria pulita per tutti!

La natura è il suo habitat. Rotola nella terra, rincorre asinelli e uccellini, falcia il prato e annaffia orgoglioso le rose che tra poco sbocceranno.

I miei monti e il mio animaletto selvatico

Nonostante il vento, non entra in casa neanche per mangiare. Lo rincorro con un cucchiaino di lasagna mentre sgambetta veloce e birichino. Osserva attento il percorso delle formiche, tenta di afferrare le farfalle e non comprende perché non possa fare altrettanto con le api. Si guarda attorno continuamente, è ammaliato da tutto questo verde negli occhi, ogni 20 minuti indica la montagna e mi sorride.

La discesa della notte lo coglie impreparato, è attonito. Non è abituato al buio avvolgente; in testa un manto di stelle. “Mamma guadda, puntini”. Sì tesoro, è davvero bello. Mi torna in mente quella sensazione da bambina, quando nelle sere d’agosto ci posizionavamo lì sul prato e stavamo per ore a fissare quel soffitto stellato e a parlare, poi in silenzio a immaginare. Sembrava di entrarci, nel cielo; eravamo un puntino anche noi, ma sul serio. Era tangibile il nostro essere “piccoli”.

In questi 3 giorni Tempesta non ha mangiato né dormito nulla. Troppo indaffarato a scoprire. Si è cibato di aria fresca e di sole, ha riso per ore. Lo divertiva persino il rumore del trattore. Sembrava una scheggia impazzita, la pallina di un flipper comandato da mani sapienti. Ha giocato a nascondino con il gatto e chiunque avesse la sventura di affacciarsi da noi, ha portato luce nelle giornate tutte uguali della sua nonna bis di 93anni. Ha stabilito una rara connessione con lo zio speciale, 5enne imprigionato in un corpo da adulto. Ha compreso i suoi super poteri e saputo leggere la purezza del suo cuore senza bisogno di passare dal libretto d’istruzioni, come solo un’anima altrettanto pura può fare.

Per noi è stato meraviglioso, faticoso e al tempo straziante. Continua a leggere

Agli ex che ritornano

Domenica al paesello, lo struscio delle famiglie, i bimbi che corrono felici sul prato, no sui sampietrini [Georgie sei sempre nel mio cuore].

Incrociamo l’ex con rispettiva prole, sono anni che non ci vediamo perciò ci fermiamo a parlare come due vecchi conoscenti [in fondo, quando passa un lasso temporale sufficiente a sbollire i rancori (ove presenti), che differenza c’è?]: risate, convenevoli, qualche aneddoto curioso e saluti. Dal mio punto di vista un incontro inaspettato relegato nella categoria dell’indifferenza, dopo un minuto l’avevo già scordato [non ha fatto parte neanche dei racconti alle amiche, per dire].

Dr. ❤: Mi gioco gli attributi che ti manda un messaggio.

Io: Ma che dici?! E per dirmi cosa? Sei incredibile, sempre convinto che stanno tutti a pensarmi.

Dr. ❤: Scommettiamo? Ne sono certo. Conosco la specie.

Io: Ok, ma sappi che vincerò io, anche perché ci tengo ai tuoi attributi, sai com’è. In ogni caso non ha alcun senso.

I giorni scorrono veloci, il cellulare è muto e ho persino dimenticato la scommessa. Poi venerdì dopo pranzo [«dopo che ci ha pensato tutta la settimana» sorride sotto i baffi mio marito, profondo esperto della materia e non voglio sapere perché]… tin tin.

Ciao Tiffany, scusami se ti disturbo ma vorrei chiederti una cosa, puoi dirmi quando posso chiamarti? Grazie.

Allora bello di casa, parliamone. Continua a leggere

Filastrocca politicante

Disoccupazione giovanile al 40%,

nell’aria si respira un certo malcontento.

Noi tutti non ci si deve oltremodo preoccupare

la classe politica é proprio lì a vigilare

pronta e guardinga al minimo segnale:

ha la soluzione, peraltro mai banale.

Il Ministro del Lavoro ogni dí ci incita e ci sprona,

é uno che con i consigli davvero suggestiona.

Stavolta ci invita caldamente al calcetto

si sa, le reti giuste garantiscono un tetto

Non stupisce che in Italia i rapporti davanti a una Poretti

si trasformino in occasioni lavorative secondo il sig. Poletti.

Voglio credere alla sua buona fede ogni volta che apre bocca,

però dico… la situazione reale, davvero non vi tocca?

Per veder la questione conclusa 

dovreste imparare a chiedere SCUSA

e a farvi da parte per inadeguatezza

se neanche le parole enunciate con accuratezza.

In questo momento abbiam bisogno di fatti e riforme

nessuno all’orizzonte. Che VUOTO enorme.

Alle mie amiche in dolce attesa (di consigli)

FERTILE è la parola del 2017. Dopo anni di solitudine, sono circondata da Panze® per la gioia mia e del ministro Lorenzin [!].

Amiche,

reggetevi forte. Ho pensato di farvi un regalo:

l’identikit della mamma perfetta secondo le ricostruzioni dei migliori consigli pervenuti da chiunque [perché, da questo momento in poi, chiunque si sentirà in dovere di spiegarvi come si fa] affinché siate pronte ad affrontarli. Armatevi di molta pazienza.

  1. Partorite naturalmente e possibilmente senza epidurale. In caso di problemi ovarici o nascituro non in posizione, sarete un po’ meno mamme. Vi perderete quel momento meraviglioso in cui l’adorato cocomero esce fuori dal piccolo limone, mi spiace.
  2. Allattate per almeno un anno di cui 6 mesi in via esclusiva, ma se arrivate a 3 anni tondi vincete una statuetta di mammella top. Se il latte non scende o state morendo di mastite e pensate di interrompere, sappiate che non avete superato la prova mucca. Essere un buon genitore significa anche diventare una simpatica frisona e rinunciare per sempre a un seno degno di tale nome.
  3. Tenetelo a casa fino ai 18-24 mesi. È troppo fragile per affrontare la sfilza di malattie che circoleranno nel nido [puntualmente le prenderà tutte, abbiatene contezza], e poi ha bisogno della sua mamma. È il momento di dargli certezze, volete crescere un insicuro? Diversamente vuol dire che non ci tenete abbastanza, carrieriste che non siete altro [la fate già lavorare questa creatura, eh?].
  4. Non cedete mai a farlo dormire nel lettone, devono imparare sin da subito a calmarsi da soli. Ah no, adesso è in voga il filone opposto, scusate. Incentivate il co-sleeping: tenere in braccio il vostro pargolo e dormire con lui non è solo un bel principio sociale ma anche un importante contributo alla sua buona crescita, lo dicono importanti studi USA. Se invece vi ostinate a voler copulare in pace con il maritino o a dormire come cristo comanda, siete solo delle emerite egoiste.
  5. Dategli prima di subito gli strumenti per essere un uomo di mondo. Iscrivetelo al corso di acquaticità neonatale, musica in fasce e inglese, cosicché cresca Rosolino, piccolo Beethoven e con la lingua del futuro incamerata senza neanche rendersene conto.
  6. Abolite qualsiasi forma di tecnologia. Purtroppo tablet e televisione rendono i bambini nervosi e passivi, un binomio terrificante. Usate solamente giochini in legno [plastica aborro, ricordate] che siano in grado di sviluppare la creatività; diversamente gli tarperete le ali dell’eccellenza.

Continua a leggere

Metti una pausa pranzo vera

Succede che un venerdì decidi che non farai i soliti 30 minuti.

Ti fai travolgere dal sole e dagli odori. Hai dimenticato gli occhiali da sole su, ma meglio così. Cammini con due fessure al posto degli occhi, vieni inondato dalla luce.

C’è una vita qui fuori ragazzi, un caos piacevole. Ma è tanto bello tutti i giorni e io me lo perdo sempre? Fontana di Trevi accecante così bianca, uno spettacolo per gli occhi [grazie Fendi, senti a me].

In una piazzetta minuscola Continua a leggere

#Chaddetto?! Vocabolario romano per non addetti ai lavori

E niente, i romani sono dei geni.

  1. Il secondo dopo che ti hanno conosciuto, già stanno lì a raccontarti il primo amore o che soffrono di emorroidi.
  2. Le espressioni che coniano sono fenomenali. Basta salire su un autobus, fare la spesa, guidare o andare a bere una biRa e il tuo vocabolario si accresce di neologismi interessanti.

Dopo le parole Ita-British per i fighi a lavoro, qui di seguito un breve compendio per i turisti, per stare sul pezzo o per avere qualcosa da dire nel perimetro capitolino, in ogni occasione.

Piccolo warning necessario: non si tratta del nuovo dizionario Devoto-Oli o degli stralci di dialogo degli adepti de l’Accademia della Crusca per cui le espressioni possono risultare poco forbite, mettiamola così. Le anime ad alto tasso di sensibilità sono pertanto pregate di interrompere qui la lettura, grazie.

Daje = forza/ su/ evviva!/ finalmente/ non ci posso credere/ ma daiii?!/ muoviti. Nella versione aredaje = ancora? Ma allora ce fai.

Passe-partout per la qualunque, apre le porte di qualsivoglia conversazione, praticamente sta bene su tutto, è anche meglio del prezzemolo.

Je pesa er culo = soffre un pochino di accidia.

Deriva da: le persone con un posteriore gigante hanno maggiori difficoltà di movimento e dunque tendono a rimanere ferme. Questo non vale per Kim Kardashian e Nicki Minaj che riescono persino a ballare e risultare sexy. Continua a leggere