Di fughe e riconciliazioni.

A volte basta poco per fare (temporaneamente) pace con il mondo.

Ognuno ha i suoi metodi: una mostra, un cocktail, un nuovo paio di scarpe.

Un bel paesaggio è la mia CURA a breve termine. Il VERDE negli occhi il migliore toccasana.

Che sia il rumore delle onde o una distesa d’erba a perdita d’occhio, VAI a respirare, stanziale forzato.

Vinci la pigrizia e schiodati da quel divano. Scendi dalla macchina, passeggia e ammira. Chiediti quanto siano stupide le anatre o come abbiano fatto in un tempo passato a vivere arroccati sul cocuzzolo, vivi la sensazione di essere lì e basta. Fai fluire i pensieri come il fiume che ti scorre accanto, senza connessioni e senza risposte. Fermati davanti alla bellezza e lascia che solo i tuoi occhi la fotografino.

Apprezza la LENTEZZA. Cammina e cammina ancora, suda. Fai tesoro del SILENZIO.

E quando la tua panza reclama (perché homo cittadinus, non tarderà ad arrivare quel momento) cerca un posticino che ti aggrada, possibilmente rustico con la vecchietta che ammassa ancora, e MANGIA. Mangia come se non ci fosse un domani. E progetta, come se dovesse accadere domani; senza pudore, sii ardito, ché il tempo di viverlo e il frammento di magia ti è già scivolato via.

Il giorno dopo, vedrai, potrai persino superare indenne il lunedì!

Io ti consiglio questa pietra e questi sentieri, in un giorno di sole. Meglio di qualsiasi shopping compulsivo.

image

(Valle del Sagittario, Abruzzo)

E spiennili ‘sti soldi mood of life

Se hai più di 30 anni, un lavoro e campi ancora come uno studente universitario fuori sede, è ora di cambiare approccio. Immediatamente. Vale anche se hai trovato un povero cristo/a che ti campi (ma forse in questo caso non hai bisogno di alcun consiglio, ché probabilmente sei tu che hai capito tutto).

Via pasta col pesto, tonno in scatola due volte a settimana e ostelli di seconda categoria! Non avrai più la LIBERTA’ di un tempo (purtroppo), ma hai i SOLDI, o almeno  più soldi di quanto prima passava la casa. Devi entrare nell’ordine di idee che quelle 24 ore VERE a disposizione non torneranno più, ma puoi barattarle con alta qualità di vita nei momenti liberi.

Il ragionamento è il seguente: passi gran parte dell’anno murato vivo davanti a un computer e quando metti il nasino fuori fai il tirchio? Non va bene, non va bene. Lo capisci da solo.

Sembra così ovvio, per me non lo era affatto. Io devo ringraziare ENZO, il vicino di ombrellone di qualche estate fa. Mentre ci stavamo disperando perché non trovavamo per i nostri amici un posticino decente a Santorini in agosto a meno di un rene per uno, interviene in punta di piedi questo signore napoletano, suggerendoci l’albergo più esclusivo dell’isola, da cui godere il panorama mozzafiato che avrebbero ricordato per tutta la vita. Perplessi, gli abbiamo fatto notare che era sì meraviglioso, ma anche caro ammazzato e dunque non faceva al nostro caso.

E lui, ha detto in un soffio, guardando lei dritta negli occhi : “..Marò, e spiennili sti soldi!”, con annesso accompagnamento di mano e avambraccio nell’aria.

Attimo di silenzio, pausa; questo tizio, beato lui, la faceva facile, mica uno può spendere così tanto per una vacanza. E poi come si fa?

Già.. e poi? E poi amen.

Che crepi l’avarizia, la vita va goduta! Imborghesiamoci un po’, a piccole dosi non è una malattia mortale. In un bel posto o dopo aver bevuto bene l’amore si fa anche meglio. Dopo, certo, dovremo mangiare pane e cipolla a casa per qualche giorno, ma chissene. In quel momento SOLE, VENTO, VINO, TRALLALLA’. Diamo una chance alla Felicità.

Se vi interessa saperlo, i due hanno prenotato in quel posto meraviglioso e ancora oggi raccontano che quella – ahhh sì – è stata l’estate più bella. Enzo è diventato il nostro mito e “spiennili sti soldi” una filosofia di vita.

Perciò, io e la mia comitiva ti invitiamo ad aderire alle campagna: LIFE is now. Non fare il pidocchio.