Che sia un buon gioLno

Un lunedì mattina tragico, condito di 50 gradi all’ombra e numerose incombenze in agenda, indurito dall’essenza stessa del lunedì e ulteriormente aggravato dal collocarsi a cavallo di mesi infuocati di lavoro e costellati di picchi di spossatezza, apatia, debilitazione e pressione a 1. Un risveglio all’insegna della positività, dunque. Continua a leggere