Quel sottile masochismo femminile

Piccoli grandi episodi di vita vissuta, da me medesima o da amiche sull’orlo di una crisi di nervi.

Esserne le protagoniste, assistervi inerti o semplicemente ascoltarne i racconti può provocare effetti collaterali quali orticaria, senso di fastidio, balbuzie, moti interni di ribellione, annebbiamento della vista. Il proattivo distacco da alcuni cliché raramente menzogneri [non sia mai funzionasse] è il nostro presidio medico-chirurgico.

N.B.[MiRaccomandoTuttoD’unFiato] Leggere attentamente il foglietto illustrativo, non somministrare al di sotto dei 27 anni [non capirebbero]; se il problema persiste, consultare lo psicologo [ma uno bravo eh].

Ecco esempi lampanti delle nostre pulsioni autodistruttive:

  1. Dire di no in alcune situazioni, anche se vorremmo dire di sì.

Perché, di grazia? Forse abbiamo ascendenze indiane che ci fanno scuotere la testa da sinistra a destra anche quando intendiamo annuire? E non mi riferisco solo a quando dentro di noi fuma tutto, il nostro viso è una maschera e ci sta per partire un embolo ma pronunciamo il classico «Niente, non ho niente», lapidario.

Intendo anche situazioni che ci piacciono assai, in cui ci comportiamo da esponenti apicali del PMA (Partito Mondiale Autolesionisti). Un esempio per tutti: occhi negli occhi, lingua nella lingua, peli del corpo dritti per l’eccitazione, un fuoco dentro che potrebbe scaldare i barboni di mezza America e un «No, meglio di no», pronunciato a mezz’aria non si sa bene per quale ragione. Ci avranno anche spiegato sin da ragazzine che bisogna aspettare almeno qualche appuntamento, ma – ricordate – qualsiasi regola soffre eccezioni.

Naturalezza e istinto, non dico sempre, sono cosa buona e giusta. La vita è una, viviamola [almeno quando ne vale proprio la pena].

2. Non riuscire a dire di no, per gentilezza, carineria o stupidità.

«Cara, mi faresti un piacere? Sono inguaiato/a. La puoi lavorare tu questa pratica? Scade oggi» [Che cooosa? Io sono due giorni che schiumo perché venerdì devo uscire prima, andare al dentista, tornare a casa, fare la valigia e partire per il mare in grazia di Dio. Chi se ne fotte del tuo fascicolo, potevi evitare di stare due ore al telefono e di andare a prendere il caffè con chiunque si palesasse all’orizzonte] «Okay, se è una roba veloce passamela subito che ci provo». E, naturalmente, fai tardi per la tua finta odiosa condiscendenza.

O Arte della Schiettezza, palesati se davvero esisti, scendi su di noi e salvaci.

→ Sì è vero, fa molto poco geisha, quelle che ce l’hanno innata vengono tacciate di assomigliare a scaricatori di porto. Ma lasciare qualche volta che la sincerità prevalga vuol dire non permettere che gli affannosi incastri della quotidianità diventino una complicatissima partita a Tetris. Siamo già esaurite senza bisogno di sovrastimoli esterni.

ballerine

In foto sfilza di meravigliose ballerine. Ballerina = nota calzatura anti-sesso per qualsiasi uomo degno di tale nome e, dunque, simbolo esteriore del masochismo femminile. Per me rimangono comunque stilosissime [sono senza speranza]

3.       Ubriacarsi a morte e scrivere messaggi-fiume di cui vergognarsi il giorno dopo.

Se hai superato i 30 e stai passando un brutto periodo con il tuo Lui oppure il tuo Lui non esiste [ndr. è evaporato per ragioni varie o non ti ha mai preso in considerazione], fai bene a ubriacarti se può farti stare meglio. Ma, appunto, se può farti stare meglio. Se invece sei di quelle che, anziché sfogarti/ vomitare/ ridere, si mettono a scrivere messaggi strappalacrime e togli-dignità, lascia perdere. Il negroni non è roba per te (un negrone, invece, potrebbe essere la soluzione giusta).

→ Dignità, amica mia, dignità prima di tutto. Sei una donna ormai. Capisco che la rinuncia all’alcool è chiedere troppo in certi momenti, ma allora come minimo devi dotarti di compagnia sequestra-cellulare in queste occasioni. MEMENTO.

4. Chiedere al tuo lui se sei ingrassata, quando conosci benissimo la risposta.

Che naturalmente è affermativa. Fino a oggi Trangugio&Divoro avrebbe potuto essere il tuo nickname: hai fagocitato tutto quello che ti è capitato a tiro, con preferenza verso cibo spazzatura; hai tracannato litri di coca ghiacciata e fresco vino bianco [perché sennò che vita è] e ora – davanti allo specchio in costume – ti viene da piangere. Allora cerchi conforto nel povero malcapitato di fianco, sperando in una colossale bugia.

→ Eh no, non funziona così. Anziché trascinare anche lui in questo teatrino, tanta frutta e scarpette da ginnastica. Go, Forrest, Go. Non sei né la prima né l’ultima, ce la si può fare.

5. Perseverare con la ceretta inguinale totale.

Pratica primordiale, dolorosa e mai risolutiva. Estirpazione di peli infami e particolarmente affezionati da zona privé per pochi intimi, se non esclusiva di uno solo. Nonostante le urla soffocate e i “E’ l’ultima volta, che male boia“, dopo pochi giorni i tizi si ripresentano – per di più in versione incarnita – come se non li avessi cacciati in malo modo. E tu maledici il giorno di essere nata donna.

→ esiste l’epilazione laser, sappiamolo. Risparmiamo giorno dopo giorno, ma liberiamoci da questa iattura. Il progresso serve anche a questo.

L’elenco potrebbe continuare ancora e ancora, ma questa è solo la prima puntata della saga.

Donne [è arrivato l’arrotino e l’ombrellaio], mitiche compagne del sufrimiento a ogni costo, siamo pronte a sconfiggere ‘sti benedetti demoni?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...