10 pro di abbandono di minore

Lasciare il bimbo coi nonni al mare – a parte la lacerante nostalgia che porta seco – ha dei notevoli vantaggi. Continua a leggere

Annunci

Ma quanto é bello il venerdì sera?

Già, quanto é bello?!

Elementare, Watson. Ba-na-le.

Ok, va bene.

…ma quanto é bello il venerdì sera?

IMG_0816.JPG

Quella sensazione di poter spaccare il mondo solo perché si hanno a disposizione ben due giorni pieni pieni. Ché se non si ha nulla di programmato, anche meglio. Le infinite scelte tutte possibili [non è importante che alla fine si faccia qualcosa veramente; contano le intenzioni]. Continua a leggere

L’ESTATE ADDOSSO (cit.)

20160701_091817-1

Non è un clown. Non è neanche la gattara de La Sapienza.

Sono io, felicemente io, d’estate. Misurata, sobria, istituzionale. Come la mia prestigiosa azienda richiede.

Lo so che sto in fissa con le stagioni (qui la mia primavera a cacchio di cane). L’effetto dirompente dell’esplosione di luce, suoni e immagini mi rapisce, persino in dettagli urbani:

-l’arancione di uno spritz sotto una veranda di foglie verdi,

-lo scintillio degli occhi di chi ha la valigia in mano,

-la musica a tutto volume degli operai che fanno i lavori,

-i piedi dei turisti a mollo nelle fontane della città.

colori, li adoro. Se potessi andrei in giro sempre vestita FLUO come i peggiori coatti a Ibiza [quando andai, infatti, mi sentii a mio agio. Mi casa es tu casa]; mi piacerebbe indossare l’arcobaleno ogni santo dì. Famose le prese in giro alla specializzazione per sobrietà di vesti e accessori; alla veneranda età di 25 anni possedevo un astuccio ocra, verde acido e arancione con giganti pupazzi stilizzati che tiravo fuori a ogni occasione – anche davanti al Papa – con orgoglio mio e sommo divertimento/sgomento altrui.

Soprattutto amo la vita a colori. Al posto della ns Virgi appalterei i muri grigi delle periferie romane ai migliori artisti di strada e ne farei un museo a cielo aperto; sui tetti degli orrendi palazzoni anni ’70 giardini curati dai condomini, orti e società ricreative. Mi piacciono le tinte cubane, La Boca argentina, il bianco-blu greco unito alla bounganville fucsia, i giardini giapponesi, le aurore boreali e la cromoterapia [ahuahuahua, scherzo sulla cromoterapia]. Prediligo le foto con il verde acqua, il rosso fragola, il giallo miele al classicissimo universale bianco e nero. La verità alla finzione.

Adoro questa stagione perché IO MI SENTO L’ESTATE ADDOSSO. Nonostante il sonno e la pressione a 1, una moltitudine di piccoli uomini dotati di bongo e ugola vibrante sta portando avanti un party senza fine nella bocca del mio stomaco. La mia voce squillante e la risata inconfondibile [non mi abbandonano mai. Chiamansi marchio di fabbrica] arrivano fino all’altra parte del corridoio, perforano i timpani di chi mi parla al telefono.

Una volta un collega che mi vuole bene mi disse: «Tiffany [d’ora in poi il mio nome – argh, questa questione dell’anonimato si sta facendo complicata], sei troppo allegra. Qui si prendono tutti tremendamente sul serio; smettila di sorridere per tutto, penseranno che sei stupida».

E già lì ebbi la certezza di essere nel posto sbagliato. Non è colpa mia, per me io già mi sto contenendo in tutti i modi. Che ci posso fare se il sole brilla alto nel cielo e il mio corpo è “elettricità” [chi riconosce la citazione ha la mia stima]?

E chiudo con un’altra domanda: secondo voi è un caso che questo post sia venuto giù come una valanga di venerdì?

Incontrare la Ayane e mandare il cervello in pappa

NO VABBÈ. Sono la peggiore delle teenager.

(Peccato che tecnicamente non lo sia più da un pezzo, epperò)

Da lontano avvisto MALIKA AYANE, che mi piace tantissimo; unico elemento di depistaggio è la statura, inferiore all’immaginato. È proprio sul mio marciapiede ferma a parlare con un ragazzo.

Rallento mentre cerco di:

A) avere conferma che sia lei.

B) elaborare una strategia per importunarla con eleganza e chiederle un sacco di cose, magari chissà farci anche una cantata insieme (Purtroppo, se ben ricordate, io sono questa Volevo fare la cantante e invece compilo excel). Sì perché nella mia mente eravamo già diventate quasi grandi amiche. Ho immaginato confidenze, cene, risate.. tutto in pochi secondi netti.

Finché sono arrivata alla sua altezza.

E la madre di tutti i conigli si è sentita ridicola, si è detta che una 34enne adulta con prole è in grado di comprendere che è venerdì anche per la (ormai) sua amica Malika, la quale avrà il sacrosanto diritto di starsene per i cacchi suoi.

Quindi da persona matura quale si è trasformata in altrettanti pochi attimi, attraversa con fare deciso per andare dritta per la propria strada, ma – momento di suspance – proprio nel mezzo della carreggiata ci ripensa.

Sì. Mi blocco. Con macchine da entrambi i sensi che rischiano di investire me e soprattutto mio figlio, mi giro verso di lei e, con fare teatrale e annessa voce stridula proveniente da non si sa dove, le urlo: TI ADOROOOO.

HH7152-001-osmond-fans-gettyimages

Ebbene sì, l’ho fatto.

Lei, che ha tosto capito che tanto bene non stavo, mi ha assecondato. È stata talmente carina che mi ha gridato sorridendo, alzando la mano a mo’ di saluto: GRAZIEEEE! (D’altronde siamo o non siamo amiche??!)

Tutti intorno guardavano divertiti, ma io ero già 3 metri sopra il cielo. Sono tornata a casa cantando i suoi motivi, felice come una bambina che ha scartato il regalo di Natale.

Non contenta, le ho anche scritto un messaggio nell’account pubblico spiegandole che ero la pazza col passeggino di via X e che avrei voluto dirle quanto mi emoziona la sua voce.

Ora. Sono solo indecisa se:

  1. Sono una vera teen dentro;
  2. Sono semplicemente pazza;
  3. Sono una stalker sopita.